Mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare

Il mio medico - Gli esercizi per curare la cervicale

Trattamento delle articolazioni rune

General practice. The prevalence of neck pain in the world population: a systematic critical review of the literature. Eur Spine J. The annual incidence and course of neck pain in the general population: a population-based cohort study. I disturbi muscolo scheletrici lavorativi. Edizione Quali sono le più comuni e come porre Esistono 4 tipi di mal di gola e numerosi sono i sintomi a riguardo.

Come conoscere e curare al meglio il mal di gola? L'ernia iatale è una delle patologie più incomprese in ambito medico che spesso viene chiamata in causa a sproposito Sotto il generico nome di mal di schiena rientrano vari disturbi osteoarticolari, caratterizzati da dolore nella porzione Quali alimenti preferire e quali evitare per prevenire il tumore del colon-retto?

L'ansia è la risposta naturale del corpo allo stress. Il sentimento Quali sono i disturbi del sonno? Quante ore bisogna dormire? Esistono cibi per addormentarsi o contro la sonnolenza? Ad avvicinare giovani e anziani potrebbero esserci molti più punti in comune di quelli che pensiamo, tanto da mettere in disc Al di là della questione estetica, un sorriso pulito e luminoso è indice di salute.

Non trovi la visita che cerchi? Guarda l'elenco completo. Scopri tutte le migliori strutture. Cerca nel sito. Home Notizie Approfondimenti scientifici Dolore al collo: diffusione, cause, sintomi e terapie. Approfondimento Dolore al collo: diffusione, mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare, sintomi e terapie.

Il dolore al collo è molto diffuso e si manifesta con una rigidità alla nuca che rende difficile girare la testa. Solitamente viene riconosciuto come dolore cervicalema il termine medico è cervicalgia.

Nel collo, che è la parte del copro che collega la testa al tronco, ci sono infatti strutture ossee vertebre cervicalimuscoli, importanti vasi sanguigni arteria carotide comune e vena giugularenervi che controllano il movimento e la sensibilità delle braccia, della testa e di tutto il tronco nervo vago. Il dolore alla cervicale è anche sintomo della degenerazione delle vertebre del tratto superiore della colonna vertebrale dovuta al passare degli anni. La cervicalgia non va confusa con il torcicollo.

A differenza del dolore alla cervicale, sordo e persistente, il torcicollo è solitamente contraddistinto da violente fitte dovute a una contrattura improvvisa.

Tuttavia, alcune associazioni hanno cercato di studiare la frequenza dei dolori al collo nella popolazione. Una stima che sembra non rispettare la realtà dei fatti. I cuscinetti intervertebrali possono essere male allineati scoliosi o sporgere in modo anomalo ernia del disco andando a comprimere i muscoli e i nervi circostanti. Queste situazioni hanno, generalmente, un esito positivo, al più si risolvono con trattamenti fisioterapici o rieducazione in acqua.

Nella maggior parte dei casi si riscontra una lieve alterazione delle strutture nella regione delle prime vertebre della colonna muscoli, legamenti, dischi intervertebrali e articolazioni posteriori. Contrariamente a quanto si tende a pensare, il freddo o i colpi d'aria non sono i principali fattori del disturbo, ma ne facilitano la comparsa.

Si manifesta in modo acuto al risveglio o quando si devono compiere dei movimentimentre a riposo è meno forte. Se il dolore è dovuto ad alterazioni delle articolazioni vertebraliin genere, non è fortissimo. Possono comparire vertigini, ronzii, nausea e formicolii alle braccia nel caso in cui ci sia un problema alle articolazioni intervertebrali che comprimono o irritano i nervi artrosi, ernie. Nella forma cervico-brachialeil dolore si irradia al braccio e perfino alla mano.

Questo disturbo è di solito aggravato quando si assume una posizione distesa sulla schiena supina e attenuato da altre posizioni, come quella con le mani dietro la nuca.

Nella forma cronica, il dolore cervicale in genere compare gradualmente e si presenta in seguito al mantenimento di una postura sbagliata per un tempo prolungato ore. È tipico al risveglio o dopo che si è stati seduti alla scrivania o davanti a un computer. Il collo è rigido e la mobilità limitata. Possono manifestarsi anche mal di testa, tremori e, in alcuni casi, nausea.

Raramente, ci possono essere vertigini, ronzii auricolare, agitazione e lieve confusione mentale. Ci sono alcuni sintomi che possono interessare il collo e che richiedono un tempestivo intervento medico. Sono: il dolore molto intenso nella parte anteriore del collo accompagnato ad altri sintomi come febbre, perdita di forza, insensibilità che possono essere comuni ad infezioni gravi come la meningite.

Anche il dolore intenso e la nausea che si manifestano dopo un trauma non devono essere sottovalutati perché sono segnali di possibili altre condizioni cliniche importanti. Il freddo, d'altra parte, riduce l'infiammazione e quindi anche il dolore.

L'immobilità infatti riduce il dolore al momento, ma con l'andare del tempo, a causa di questa condizione forzata, la muscolatura tende irrigidirsi, causando più dolore. II dolore cervicale è soltanto un sintomo. La diagnosi è quindi fondamentale per definire il tipo di terapia più adeguato. Di solito infatti sono sufficienti farmaci analgesici come lo è il paracetamoloe antinfiammatori non steroidei FANS di uso comune ibuprofene, ketoprofene.

I miorilassanti possono essere utili, soprattutto se gli antidolorifici non hanno dato i risultati desiderati. In altre è meglio ricorrere al consiglio del fisioterapista: una terapia fisica a base di esercizi passivi cioè realizzati da altri sul nostro collo mentre lo teniamo a riposo e attivi è spesso risolutiva, ma deve essere a cura di persone competenti.

Risolta la fase acuta la fisioterapia è utile per allungare i muscoli contratti e recuperare la forza muscolare. Possono favorire il ripristino della funzionalità, l'elettroanalgesia, la massoterapia, la termoterapia, la manipolazione.

Le manovre per ripristinare la mobilità non sono da farsi in fase acuta perché scatenerebbero il dolore e le vertigini. Nelle forme cervico-brachiali ad esempio, la radice nervosa o del midollo spinale potrebbero essere compromessi al punto da richiedere l'intervento di un neurochirurgico. Nella fase acuta, la prima cosa da fare è alleviare il dolore.

Nella maggioranza dei casi, la cervicalgia è dovuta a problemi posturali per abitudini, anche lavorative che, se non vengono cambiate, possono scatenare nuovi episodi dolorosi.

Ci sono alcune semplici misure indispensabili mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare prevenire altri attacchi. Innanzitutto si devono controllare le proprie posture e correggere quelle scorrette. Se si mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare molte ore alla scrivania, di fronte al computerè consigliato di fare in modo che lo schermo sia a non meno di 50 cm dal viso e un po' più in basso, in modo che la testa rimanga dritta.

Il mouse deve essere vicino alla tastiera. Entrambi dovrebbero essere impiegati tenendo appoggiati gli avambracci alla scrivania. Anche la posizione delle gambe è importante. Caviglie e ginocchia dovrebbero formare angoli di 90 gradi e i piedi essere bene appoggiati a terra. A prescindere dall'attività svolta, dedicare qualche minuto ogni giorno per fare degli esercizi di stretching, per allungare la muscolatura del collo e di tutta la schiena, un investimento in salute semplice, ma molto efficace.

Nel caso di un colpo di frustaqualche disturbo al collo potrebbe richiedere tempi più mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare, anche anni, per risolversi del tutto.

La prevenzione diventa quindi fondamentale, evitando soprattutto di mantenere il collo in posizioni fisse e a lungo. Particolarmente utile è la pratica regolare di un'attività fisica che preveda l'uso degli arti superiori nuoto, esercizi con i pesi alle bracciain modo che la muscolatura, tonica, difenda meglio il collo da eventuali sollecitazioni.

Anche in questo caso, una volta che, grazie per esempio al fisioterapista, si è risolto il problema, è consigliato di svolgere un'attività fisica regolare che coinvolga tutta la parte mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare del tronco e a prestare attenzione alle posture quotidiane. Oltre a seguire le indicazioni già indicate per chi lavora molte ore al computer, ci sono delle abitudini utili per chi guida per lungo tempo.

In queste persone i muscoli del collo devono continuamente bilanciare i microspostamenti provocati da scossoni e vibrazioni. È importante che il sedile dell'auto sia dritto e in una posizione che consenta di tenere le braccia piegate comodamente appoggiate sul volante. Ogni due —tre ore è quindi meglio fare una pausa e sgranchirsi i muscoli.

Durante il sonno è bene utilizzare un cuscino che non costringa la testa in una posizione innaturale o fastidiosa. Le malattie muscolo-scheletriche mal di collo, di schiena, artrosi Le passeggiate in ufficio sono brevi ma utilissime. Quali malattie danno come sintomo il dolore al collo? Nella maggioranza dei casi, il dolore al collo è dovuto a un trauma o a una postura sbagliata e protratta nel tempo, come quando, per lavoro, si trascorrono molte ore davanti allo schermo di un computer o al volante di una macchina.

Tra queste, si ricordano: mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare, artrite reumatoide, meningite. Quando la causa della cervicalgia è una riduzione dello spazio tra le vertebre cervicali da cui escono i nervi che controllano il braccio possono essere schiacciati e irritati.

Quando, mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare un dolore al collo, si deve andare dal medico? Sono sintomi da non sottovalutare il dolore molto intenso e rigidità del collo a cui si associano febbre e insensibilità perché potrebbero essere il segno di infezioni gravi come la meningite.

Dopo un trauma, se compaiono nausea o altri sintomi, è bene rivolgersi al medico. In caso di forte dolore cervicale si deve restare a riposo? Gli ultimi studi mostrano che la gran parte delle patologie ortopediche guariscono prima e meglio se si evita di mantenerle immobili. In caso di dolore cervicale e torcicollo si dovrebbe cercare di distendere gradatamente la muscolatura mal di collo e del collo a ciò che il medico di andare con esercizi appropriati.

Articolo realizzato con il contributo di Maddalena Guiotto. Dopo aver letto questa notizia mi sento Data di pubblicazione: 18 aprile Benessere 27 agosto Colorazione del muco: indicatore dello stato di salute. Benessere 25 marzo Dolore al piede: quali sono le cause e terapie adeguate.